CASI IN CUI SI PRESENTA
In quali casi si deve presentare la dichiarazione IMU:

  1. per gli immobili che godono di riduzione di imposta (fabbricati dichiarati inagibili o inabitabili e di fatto non utilizzati; fabbricati di interesse storico o artistico);
  2. in caso di assegnazione della casa coniugale a seguito di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio (divorzio), il coniuge assegnatario deve presentare la dichiarazione, in quanto titolare, solo ai fini IMU, del diritto di abitazione;
  3. per il fabbricato classificabile nel gruppo catastale D, non iscritto in Catasto, ovvero iscritto ma senza attribuzione di rendita, interamente posseduto da imprese e distintamente contabilizzato, per il quale sono stati computati costi aggiuntivi a quelli di acquisizione;
  4. per gli immobili per i quali il Comune non è in possesso delle informazioni necessarie per verificare il corretto adempimento dell’obbligazione tributaria:
    –  l’immobile è stato oggetto di locazione finanziaria (leasing) oppure di un atto di concessione amministrativa su aree demaniali;
    –  l’area è divenuta edificabile;
    – l’immobile è stato assegnato al socio della cooperativa edilizia a proprietà divisa;
    – l’immobile è assegnato al socio della cooperativa edilizia a proprietà indivisa;
    – l’immobile è stato concesso in locazione dagli IACP;
    – l’immobile ha perso oppure ha acquistato durante l’anno di riferimento il diritto all’esenzione IMU;
    – è intervenuta una riunione di usufrutto non dichiarata in Catasto;
    – è intervenuta un’estinzione del diritto di abitazione, uso, enfiteusi, superficie;
    – si è verificato l’acquisto o la cessazione di un diritto reale sull’immobile per effetto di legge come per esempio l’usufrutto legale dei genitori.

CASI IN CUI NON SI PRESENTA
In quali casi non si deve presentare la dichiarazione IMU:

  1. nel caso sia già stata presentata la dichiarazione di successione, in quanto gli uffici dell’Agenzia delle Entrate trasmettono copia al Comune;
  2. nel caso di vendita, acquisto o donazione, trascritta in conservatoria;
  3. nel caso di locazione (l’aliquota applicabile è sempre quella ordinaria, non avendo il nostro Comune deliberato un’aliquota diversa);
  4. nel caso di variazioni catastali denunciate tramite DOCFA (cambio di destinazione d’uso, fusione o frazionamento subalterni).

 

QUANDO

Entro il 30 giugno dell’anno successivo a quello in cui è avvenuta la variazione.

 

DOVE E ORARIO
Ufficio Tributi –
Palazzo Comunale – Piano seminterrato – Tel. 02.61903241/234 Fax 02.61903301
Mattina: da martedì a venerdì dalle ore 10.15 alle ore 12.15,
Pomeriggio: lunedì dalle ore 15.00 alle ore 17.00.
Nei mesi di luglio e agosto l’orario potrà subire variazioni: Ufficio Tributi

COME
La dichiarazione di variazione deve’essere effettuata su apposito modello ministeriale che si trova in fondo a questa pagina e presentata in duplice copia direttamente agli sportelli dell’ufficio tributi o all’ufficio portineria del Comune. La dichiarazione, inoltre, può essere inviata per posta con Raccomandata senza ricevuta di ritorno, indirizzata all’Ufficio Tributi del Comune di Cusano Milanino – piazza Martiri di Tienanmen, 1. In questo caso la dichiarazione si considera presentata nel giorno in cui è consegnata alle Poste.

MODULISTICA IMU




Riferimenti normativi:

D.Lgs. 23/2011 articoli 8-9;

DL 201/2011 articolo 13;

DM 30/10/2012 approvazione modello di dichiarazione e relative istruzioni.